Come fare un backup delle tue foto su Android

Come fare un backup delle tue foto su Android

Oggi spiegheremo come fare un backup delle foto del tuo telefono Android. In questo modo, se perdi il telefono, se si rompe o se elimini le foto per errore, puoi recuperarle in qualsiasi momento. Sarà utile anche se cambi telefono.


Qualche anno fa rivelavamo o stampavamo la maggior parte delle foto che avevamo scattato, oggi ci accontentiamo di salvarne una versione digitale. Il problema è che, senza un backup, potresti perdere centinaia o migliaia di foto in un istante. Fortunatamente, esistono diversi metodi per proteggere le tue foto con il minimo sforzo.

Leggi anche: Come condividere WiFi su Android

Esistono molti modi per eseguire copie di backup delle foto. Ad esempio, alcuni cellulari hanno il proprio software o applicazioni per questo scopo. Qui ci concentreremo sui due metodi principali: copiare le foto sul PC e salvarle direttamente nel cloud con Google Foto.

Realizzare una copia sul PC ha il vantaggio di mantenere esattamente la stessa qualità delle foto: è una copia perfetta. La copia nel cloud è generalmente a una risoluzione inferiore (anche con una qualità accettabile), e in cambio è molto più facile da fare.

Crea una copia delle tue foto con un PC

Uno dei modi più efficaci per fare un backup delle tue foto è collegando il tuo cellulare a un computer che hai a portata di mano. Per fare questo è necessario utilizzare un cavo USB come quello fornito con il cellulare: l’estremità piccola si collega al cellulare e quella più grande alla porta USB del PC.

Normalmente, pochi secondi dopo aver collegato il cellulare al PC, viene visualizzata una finestra che avvisa che è stato collegato un nuovo dispositivo. Fai clic sulla finestra, prima che scompaia, rimane visualizzata solo un paio di secondi.

Toccando sulla finestra viene visualizzato un menu in cui è possibile scegliere cosa si desidera fare. Esistono molte opzioni, che possono variare da un PC all’altro. Trova l’opzione Apri dispositivo per visualizzare i file e fai clic su di essa.

Qui possono accadere due cose, si apre Esplora file e ti mostra le cartelle che contengono i file del tuo cellulare o che è vuota.

In questo caso, la cosa più sicura è che il tuo cellulare è bloccato. Cioè, è necessario inserire il codice PIN, la sequenza o utilizzare l’impronta digitale per sbloccare il telefono. Questa è una misura di sicurezza del telefono, per impedire a chiunque di accedere e copiare i tuoi file senza la tua autorizzazione.

Sblocca il telefono mentre è collegato al cavo e verranno visualizzati i file. Devi solo farlo una volta, quindi puoi lasciare che lo schermo del telefono si spenga silenziosamente.

Leggi anche: Come trasferire i dati WhatsApp da iPhone ad Android

Se il tuo telefono ha una memory card, ti verranno mostrati due elementi in Esplora file di Windows: la memoria interna e la memory card, sotto il nome di telefono e memoria o Phone and Card, in inglese. Se il telefono non ha una memory card, verrà visualizzato solo il primo elemento. Fare doppio – clic su Phone per visualizzare i file memorizzati nella memoria interna del telefono.

Molte cartelle ti verranno mostrate: è qui che la maggior parte delle applicazioni salva i propri dati come foto, video e altri elementi di cui hanno bisogno per funzionare. Se sei interessato solo alle foto, puoi ignorare la maggior parte delle cartelle. La cartella più importante, in cui è archiviata la maggior parte delle foto, è denominata DCIM, acronimo di Digital Camera Images. Fare doppio – clic su DCIM per visualizzarne il contenuto.

La maggior parte delle tue foto si trova nella sottocartella “Fotocamera”

La cartella DCIM contiene più cartelle all’interno, corrispondenti a diverse applicazioni che scattano foto. Ad esempio, le foto scattate direttamente con l’applicazione Facebook vengono salvate nella sottocartella Facebook. Le foto che scatti normalmente con la fotocamera vengono salvate nella cartella Fotocamera.

In ogni caso, sei interessato a creare una copia dell’intera cartella DCIM, in modo da poter raccogliere in sicurezza tutte le foto, indipendentemente dall’applicazione con cui sono state scattate. Per fare questo, fare clic sul tasto destro del mouse nella cartella DCIM e quindi fare clic su Copia dal menu che appare fluttuante.

Con questo avrai la cartella DCIM e tutto il suo contenuto copiato negli Appunti di Windows. L’unica cosa di cui hai bisogno è copiarlo in un posto sicuro sul tuo PC. Potrebbe essere, ad esempio, sul desktop. Premi entrambi i tasti Windows + D sulla tastiera per accedere al desktop.

Una volta sul desktop, fai clic con il pulsante destro del mouse in un punto qualsiasi del desktop libero (ovvero, non su altre icone), quindi fai clic sul menu Nuovo e quindi su Cartella.

Questo creerà una cartella con il nome “Nuova cartella”. Sei interessato a cambiare il nome in qualcosa che ti aiuti a ricordare che hai un backup delle tue foto. Mentre il testo è in blu puoi scrivere per aggiungere un altro nome. Ti suggerisco di usare qualcosa come “backup” o “le mie foto”.

Fai doppio clic sulla cartella che hai creato e vedrai che non contiene nulla. Ora è quando devi incollare la cartella DCIM che hai copiato negli Appunti prima. Premi il pulsante Incolla, nella parte superiore della barra degli strumenti Esplora file, per iniziare a copiare le foto.

Il processo può richiedere molto tempo se sul tuo cellulare sono memorizzate molte foto e video. Sii paziente e non disconnettere il cellulare fino al termine, altrimenti il ​​backup non sarà completo.

Ripetere la procedura sopra descritta per copiare foto e video presenti sulla scheda di memoria o in altre cartelle. Ad esempio, WhatsApp salva nella sua cartella, chiamata anche WhatsApp, tutte le foto e i video che scatti e ricevi.

Leggi anche: Come ripristinare il tuo telefono Android da un backup

Crea una copia delle tue foto con Google Foto

Un modo semplice e veloce per garantire che le tue foto non scompaiano se il tuo telefono è rotto o perso è quello di attivare il backup di Google Foto, un servizio Google gratuito. Questa copia può essere di qualità originale o ridotta.

Le foto di qualità originali trascorrono il tuo spazio di archiviazione. A “alta qualità”, no.

Google ti consente di effettuare un backup illimitato delle tue foto sui loro server, a condizione che siano di qualità ridotta, che Google chiama “alta qualità”. Se desideri mantenere la qualità originale, spendono spazio di archiviazione, di cui Google ti offre 15 GB gratuiti da condividere tra tutti i servizi (Gmail, Google Drive e altri). Considerando in media che una foto occupa 3 MB con qualità originale, è possibile risparmiare circa 5.000 a qualità completa.

Se vuoi avere il meglio dei due mondi: qualità originale e facilità di backup, puoi sempre acquistare spazio di archiviazione aggiuntivo, a prezzi ragionevoli. 100 GB di spazio (circa 34.000 foto) si ottengono per 19,99 euro all’anno e 1 TB (circa 350.000 foto) per 99,99 euro. Prima di fare il check out, controlla il servizio gratuito per assicurarti di averne bisogno.

L’attivazione del backup in Google Foto è abbastanza semplice. L’applicazione è solitamente preinstallata su Android, anche se in caso contrario è possibile scaricarla su Google PlayApri l’applicazione Foto per configurare il backup.

La prima cosa che ti chiede Google Foto è se vuoi attivare il backup. È abilitato per impostazione predefinita, quindi basta premere Fine per continuare.

Tocca il pulsante del menu (il pulsante con tre strisce orizzontali nella parte superiore della finestra) per visualizzare il pannello laterale.

Nel pannello laterale, premi Impostazioni per accedere alle opzioni di Google Foto. Dobbiamo apportare alcune modifiche alla configurazione per assicurarci di non spendere il tuo piano dati megabyte in questo modo.

Una volta nelle impostazioni, tocca il primo elemento, Backup e sincronizzazione.

Qui è necessario verificare che tutte le caselle siano disabilitate. I primi due: Foto e video, devono disabilitare Google Foto per il backup utilizzando i dati mobili, che potrebbero spendere il tuo piano dati. Disattivo eseguirà la copia solo quando ha una connessione Wi-Fi. Il roaming, nel frattempo, disabilita la copia quando si utilizzano i dati di roaming.

In questa stessa sezione è possibile configurare la qualità del backup toccando Qualità dell’immagine.

Ricorda: la copia di qualità originale utilizza spazio di archiviazione, in modo che a un certo punto riempirai lo spazio e non sarai in grado di risparmiare di più. La copia di alta qualità, inferiore all’originale, è illimitata e quindi puoi salvare tutte le foto che vuoi.

È pronto! Da quel momento, Google Foto eseguirà una copia di backup delle foto scattate con il cellulare non appena si dispone di una connessione Wi-Fi. Soprattutto, non dovresti fare nulla, ma Google Foto farà tutto il lavoro in background.

Un vantaggio è che puoi vedere le tue foto dal sito Web di Google Foto

Puoi recuperare le tue foto in qualsiasi momento dall’applicazione Google Foto stessa o nella versione web del servizio, in questo link. Se perdi il cellulare, le tue foto saranno ancora lì e potrai vederle tranquillamente dal tuo nuovo telefono.

Leggi anche: Le migliori app Android per il backup dei dati

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*