Un farmaco generico è uguale a un farmaco di marca?

Prendi una certa marca di medicinali da una vita e improvvisamente il tuo medico prescrive uno generico, affermando che “è lo stesso”. Vai in farmacia per Espidifen, ma si scopre che il suo equivalente generico costa quasi la metà. Quale è meglio, un farmaco generico o di marca? Cercheremo di spiegare le differenze una volta per tutte.

Un farmaco generico è bioequivalente a un altro marchio. In parole semplici, è una versione con gli stessi componenti chimici e lo stesso effetto del marchio corrispondente.

Inizialmente il farmaco è stato studiato e sviluppato da un’azienda farmaceutica e, brevettandolo, solo lei può venderlo. Ma in medicina i brevetti di solito durano meno che in altri settori. Normalmente durano in media circa 10 anni. Dopo questo tempo, qualsiasi altra azienda può creare la propria medicina usando quella formula, creando farmaci generici. Ma attenzione, sebbene abbiano lo stesso effetto, non sono uguali. Vediamo in dettaglio.

I farmaci generici devono superare una serie di test per verificare che siano efficienti quanto il marchio corrispondente.

Devono soddisfare una serie di requisiti:

  • Stesso principio attivo: i componenti chimici e l’effetto farmaceutico del generico devono essere identici a quelli del farmaco di marca.
  • Stessa biodisponibilità: questi dati indicano il tasso di assorbimento nel sangue, ovvero l’efficacia del farmaco. Si accetta che il generico sia fino al 20% più lento nel momento in cui ha effetto, al massimo. In altre parole, se il marchio impiega 100 minuti per avere effetto, il generico dovrebbe richiedere un massimo di 120 minuti.
  • Stesso sistema di somministrazione: sebbene quello genetico possa avere dimensioni o colore diversi, deve essere fornito allo stesso modo di quello ufficiale, sia in capsule, bustine, compresse, ecc.
  • L’Agenzia italiana per i medicinali e i prodotti sanitari deve autorizzarli: come abbiamo detto, i farmaci generici devono essere approvati prima, dopo aver superato diversi test.

Vantaggi della medicina generica

Il vantaggio principale del farmaco generico è che produce lo stesso effetto, ma è più economico. Questo perché oltre a non avere ulteriori spese pubblicitarie, di progettazione, ecc., L’imballaggio è di solito più convenzionale e alcuni extra che portano farmaci di marca vengono eliminati, come vedremo di seguito

Vantaggi del farmaco di marca

Come per altri prodotti, quando si compra un medicinale di marca si paga la marca, una commissione perché quella marca pubblicizza (le pubblicità di droghe che vediamo in TV) o ha un prestigio dietro il quale si carica di più. Gli anni di ricerca che il farmacista ha dedicato allo sviluppo del farmaco sono stati pagati anche prima della scadenza del brevetto.

Inoltre, i farmaci di marca di solito hanno alcuni extraDi solito hanno diversi eccipienti, che possono migliorare il sapore del medicinale, che è più facile da digerire o, come abbiamo visto, rendere il suo effetto un po’ più veloce.

Possono anche includere un contenitore più semplice da aprire, custodie individuali, comodità nel trasporto, ecc.

Ogni persona deve decidere cosa lo compensa. Ma il concetto chiave è che un farmaco generico produce lo stesso effetto di un farmaco di marca e quindi funzionerà allo stesso modo. Quale preferisci?

Quante volte puoi prendere la pillola del giorno dopo?

Precedente I migliori metodi per trasferire video da Android a iPhone e viceversa Successivo Come risolvere Huawei HiSuite non rileva il telefono | Problemi di HiSuite

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.